‚≠ź

Pro vax e no vax

Tag
Biases
Data
Nov 19, 2021
URL
Tema MOOOLTO difficile, un po' come l'edizione su¬†qual √® il sesso debole [Link]¬†‚̧
Ma ci proviamo lo stesso dai.
Come per tutti i temi difficili, poniamo delle basi.
1. Io non parlo mai di politica e di temi come questo, infatti non è l'obiettivo di questa Weekly Hack criticare o stabilire chi ha ragione, ma cercare di capirsi a vicenda e rimuovere un po' d'odio dal mondo.
2. Qualunque sia la tua posizione in merito, prova a leggere questa edizione con una mentalità aperta. Dico davvero.
Molto probabilmente stai leggendo questi punti pensando già al confermare la tua posizione. (Confirmation bias, remember?)
Fermati un secondo, respira, e prova davvero a leggere senza preconcetti.
Okay, direi che possiamo iniziare!
Ed iniziamo dalle basi basi basi: io sono un maschio, bianco, etero, cis che viene da una famiglia benestante.
Sono andato all'università, che è stata pagata completamente dai miei genitori, i quali mi hanno sempre supportato in tutto quello che volevo fare.
Alla lotteria delle nascite io ho proprio vinto e, se stai leggendo questa newsletter, è probabile abbia vinto anche tu.
Dico questo perché c'è questa tendenza della nostra generazione a sovrastimare il nostro contributo individuale che ci ha fatto arrivare dove siamo arrivati.
Si vero che tu hai studiato, hai fatto, ti sei messo in gioco blablabla..
Ma tutto parte dai tuoi genitori e dall'ambiente in cui sei cresciuto.
Se non fosse per i genitori che ci hanno aiutato con l'università, la scuola, il supporto e il resto, non avremmo nemmeno avuto l'opportunità di studiare e metterci in gioco.
I nostri genitori hanno il ruolo della scala nel cambiare una lampadina: é vero che siamo noi che abbiamo svitato la lampadina e l'abbiamo cambiata, ma senza una scala non avremmo nemmeno potuto di provarci.
Questo implica che gran parte di quello che siamo, che facciamo e che pensiamo, deriva dall'ambiente in cui siamo cresciuti e dalla famiglia.
Non per nulla, spesso i figli hanno gli interessi dei genitori e le credenze dei genitori.
E se i tuoi genitori ti portavano spesso in montagna, è probabile che ti piaccia sciare, fare le camminate etc.
A me piace fare il figo e dire "Sono un patito delle moto e della velocità" ma, fatalità, mio papà è un motociclista e ho visto moto intorno a me da quando avevo due anni.
Quindi forse il fatto di essere motociclista ha pi√Ļ a che fare con l'ambiente in cui sono cresciuto che con la mia "insaziabile sete di adrenalina".
Quindi serve a tutti noi una bella doccia di umiltà. Siamo meno speciali di quanto crediamo (e va bene cosi).
Perfetto, entriamo nel discorso vaccini.
Come tutto ciò che riguarda la natura umana, le opinioni che ci formiamo sono lungi dall'essere razionali.
E, a mio parere, l'essere pro-vax o no-vax è un'opinione.
E' vero che la scienza supporta una posizione rispetto all'altra, ma siamo noi che scegliamo di credere alle prove che supportano la nostra posizione.
Purtroppo, per una prova a favore dei vaccini, se ne può trovare una contro e distinguere il vero dal falso è estremamente difficile su entrambi i fronti.
E, prima che tu chiuda questa discussione con il "Si ma essere pro-vax è una verità scientifica", ti chiedo: credi in Dio?
Se la risposta è si, allora per me tu sei nella stessa posizione dei no-vax, solo in un'altra discussione.
Hai un'opinione che per me è antiscentifica, ma non per questo non provo a capire il tuo punto di vista.
Perché è di questo che stiamo parlando, questo è lo scopo di questa weekly hack: capire il punto di vista degli altri.
Vale sia che tu creda nei vaccini o no.
Partiamo dalla posizione pro-vax, che √® pi√Ļ facile da spiegare.
I no-vax pensano che noi siamo i cattivi, o i "pecoroni", e che abbiamo instaurato una dittutura per discriminarli.
Però noi siamo solo sinceramente preoccupati per la nostra salute.
Stando a quello in cui crediamo noi, i no-vax hanno una pi√Ļ alta probabilit√† di avere il COVID e noi lo possiamo prendere nonostante siamo vaccinati.
Per cui io non sono a favore del green pass perché mi fa piacere discriminare, anzi!
Ho amici che sono no-vax e mi fa stare malissimo quando non possono venire a cena con noi perché non c'era posto per far il tampone.
Ma sono semplicemente preoccupato per la mia salute e quella degli altri, per cui la reputo una misura necessaria, con tutti i suoi difetti e le contraddizioni.
Se tu sapessi che una persona potrebbe avere il morbillo ed essere contagioso, ti faresti un po' di remore anche tu no?
Ecco, questa è la nostra posizione.
Non siamo cattivi. Solo preoccupati.
Ho esposto questo punto di vista al mio amico no-vax ed effettivamente ha capito, quindi primo punto smarcato.
Ma questa parte, a mio parere, è fin troppo safe quindi andiamo al vero elefante nella stanza.
La posizione dei no-vax.
Senti mai quel fastidio quando senti parlare dei no-vax? Ti viene mai da dire "ma guarda te questi ignoranti" e simili?
Ecco, io ho un parente stretto, a cui voglio molto bene, che è strenuamente no-vax.
All'inizio, aderivo anche io a questa visione che abbiamo noi pro-vax del "noi siamo superiori, istruiti, e abbiamo il 100% della ragione a prescindere".
C'√® stata per√≤ una discussione, pi√Ļ accesa del solito, in cui questa persona si √® messa a piangere dicendomi che era preoccupatissima per la mia salute.
E li ho realizzato una cosa: nemmeno loro sono cattivi.
Sono semplicemente preoccupati ed impauriti.
Sono esseri umani anche loro, con delle paure, dei sentimenti e delle persone a cui vogliono ben..
Mettiti un secondo nella loro posizione: pensi che ci sia un gruppo di persone molto cattive che vuole sterminare l'umanità.
(Prima di etichettare questa cosa come un'assurdità, ricordami un po' come si chiamava il ragazzo nato da una vergine, che moltiplicava i pesci, per cui dovresti andare in chiesa ogni domenica anche se è morto duemila anni fa [Link].)
Anche durante il terzo reich probabilmente qualcuno ha detto: "C'è un gruppo di persone cattive che vuole sterminarci", e almeno in 6 milioni non gli hanno creduto.
E se io pensassi che qualcuno ci volesse uccidere tutti, reagirei come i no-vax!
Sarei estremamente spaventato ed emotivo, e farei fatica a ragionare lucidamente.
Certo che fanno le manifestazioni, pensano che ci vogliono uccidere!!
Certo che protestano, certo che urlano, certo che si arrabbiano.
Di nuovo: pensano che qualcuno ci voglia uccidere!!!
Non sto dicendo che loro abbiano ragione, e non sto dicendo che dovrebbero poter fare quello che vogliono mettendo in pericolo la nostra salute.
Sto solo dicendo che, mettendosi nei loro panni, si può capire perché reagiscano cosi.
Ricorda che, per lo stesso motivo per cui non potremmo cambiare la lampadina senza la scala, hai l'opinione che hai per caso.
Se non fossimo andati all'università, o fossimo nati in un'altra città, o in una famiglia diversa, magari saremmo no-vax anche noi.
Probabilmente siamo stati a due video YouTube dall'iniziare la spirale che fa diventare no-vax.
Magari siamo stati a tre like su Facebook ai post sbagliati dal diventarlo. (Se vuoi sapere di pi√Ļ su come funziona questo meccanismo ti consiglio il documentario¬†The Social Dilemma [Link]).
Cosi come siamo nati per caso da questa parte del mar mediterraneo, siamo della nostra opinione per caso.
Questa opinione è data da una serie di variabli come la famiglia, gli amici, le circostanze, la fortuna e la genetica. Il nostro contributo individuale è di molto inferiore a quanto pensi.
Quindi dire "Sei ignorante e non capisci niente" non è accettabile, da nessuna delle due posizioni.
Siamo alla fine di questa Weekly Hack, e purtroppo non ho soluzioni per risolvere la situazione in cui siamo.
Entrambe le fazioni continueranno a non parlarsi e ad urlare, senza ascoltare.
E, quando le persone non si ascoltano, non c'è nessun dialogo possibile e, di conseguenza, nessuna soluzione.
La lezione da portarsi a casa è che è facile dimenticare che siamo tutti esseri umani.
E' facile dimenticare che la persona dall'altra parte della barricata ha dei sentimenti, una famiglia, degli affetti e delle paure.
E' facile additare l'altro gruppo come ignoranti o pecoroni, senza sforzarsi di fare un passo in pi√Ļ.
"It is a more inspiring battle cry to scream 'Die, vicious scum!', instead of 'Die, people who could have been exactly like me but grew up in a different environment'"
  • Eliezer Yudkowsky
Quello che voglio comunicarti è di non dimenticarti di essere umano e di mettere sempre in dubbio quello che pensi di sapere.
Come ha detto Germana Tappero Merlo [Link], esperta di terrorismo internazionale: "In tutte le teorie del complotto c'è sempre un po' di verità".
E soprattutto, ricorda che la responsabilità si sistemare le cose è nostra.
Il mondo com'è non ti piace?
Cambialo.