📕

15. Viaggia

Tag
Data
URL
Per essere felice, viaggia.
Viaggiare non vuol dire spostarsi per qualche giorno in un altro posto, quello è andare in vacanza. Viaggiare è qualcosa di diverso.
Se hai vissuto per qualche tempo all'estero lo sai: viaggiare ti cambia la vita. Di certo non puoi dirlo di una vacanza.
Non importa in che paese hai vissuto, se ci hai passato un mese o un anno, se hai studiato o hai lavorato: quando torni sei una persona diversa. Il perché è abbastanza semplice: sei completamente fuori dalla comfort zone.
Quando ti trasferisci in un nuovo paese dopo anni passati a vivere nello stesso posto, mangiare lo stesso cibo e parlare la stessa lingua, tutto cambia.
Un conto è uscire dalla comfort zone in un ambito specifico come il lavoro—è poco piacevole, ma ce la fai.
Quando viaggi, esci dalla comfort zone nelle tue skills di sopravvivenza di base. Attività come il parlare, mangiare e dormire vengono completamente stravolte.
Ecco perché, quando torni, sai di essere una persona diversa. Questo periodo di sfida ti ha fatto crescere ad una velocità che la scuola o il lavoro possono solo sognare.
Quando torni da un viaggio, sai che stai lasciano lì una parte di te e allo stesso tempo ti stai portando via qualcosa. Per questo motivo non è un vuoto che senti—senti il lutto per la persona che eri.
Sei come una nave a cui hanno sostituito dei pezzi: da fuori è sempre la stessa nave, ma in qualche modo è diversa.
Per chi non ha mai viaggiato sembra un discorso spirituale, ma non c'è nulla di più concreto. Le persone che viaggiano tra loro si riconoscono immediatamente. C'è un'energia che dice “Anche io ho pezzi di me sparsi per il mondo".
Sai che non potrai mai essere completamente a tuo agio con persone che non hanno quell’energia. Il fatto di avere gli stessi pezzi di quando sono nate, le rende diverse.
E c'è un motivo se chi viaggia parla solo dei viaggi e non vede l'ora di organizzare il successivo: viaggiare è inebriante.
Per essere felice, non smettere mai di viaggiare.
Trova un lavoro che puoi fare da remoto e fai il nomade digitale. Non avere fissa dimora, continua a cambiare casa.
All'inizio, anche solo spostarti nel paese vicino ti farà paura. Se hai vissuto solo in Italia, andare a Vienna è viaggiare. Ma viaggiare e andare in vacanza sono due cose diverse, e il confine è labile.
Vivi secondo le parole di Charles Caleb: “Those who visit foreign nations, but associate only with their own country-men, change their climate, but not their customs. They see new meridians, but the same men; and with heads as empty as their pockets, return home with traveled bodies, but untraveled minds.”
Non viaggiare solo con il corpo, ma anche con la mente. Fonditi completamente con il paese che ti ospita. Impara la lingua, la cultura, le usanze. Trova amici del posto e amici internazionali residenti lì. Buttati in relazioni sentimentali anche se non saranno per sempre.
Chiedi tanti perché e tieni una mente aperta. Se le cose sono in un certo modo, un motivo c'è. Idem per le persone.
Datti tempo qualche mese e ti sentirai tutt'uno con l'ambiente. L'essere umano ha questo dono miracoloso di poter rendere qualsiasi posto casa sua.
Quando ti sentirai in perfetta simbiosi con la città, è ora di spostarsi di nuovo. Trasferisciti in un'altra città non troppo lontana—Londra, Madrid, Parigi o Lisbona.
Realizzerai una cosa: non più così difficile.
Sei in un altro paese con un'altra cultura, ma il cambiamento non è poi così diverso rispetto all’ultimo trasloco. Ripeti lo spostamento un altro paio di volte e non ci sarà paese in cui non ti sentirai a tuo agio. Ecco allora quando bisogna portare il viaggio al livello successivo.
Cambia continente.
Vai in Sud America, Cina, Oceania, India, Africa. Questi paesi sono più grandi dell'Europa e al loro interno hanno differenze culturali enormi. Abbracciale e vivile a fondo.
Vai a pregare con i monaci tibetani, pranza con i contadini nelle Pampas argentine, balla ad un funerale ghanese. Ora il viaggiare tornerà difficile come prima—almeno per un po'.
Ma come avrai capito, non è una cosa di cui avere paura. È la sensazione da ricercare.
Inevitabilmente, a poco a poco, ti abituerai anche a questi trasferimenti intercontinentali. Arriverai al punto in cui, in qualsiasi paese del mondo, ti sentirai a casa. Perché il mondo sarà la tua casa.
Questa visione globale ti renderà migliore nel business. Avere una visione globale non c’entra con la globalizzazione, significa solo che quando avrai un problema saprai dov'è la soluzione migliore. A volte la soluzione migliore è proprio quella sotto casa, altre volte è dall'altra parte del mondo.
La tua mentalità aperta, le tue conoscenze internazionali, e la tua flessibilità mentale ti renderanno un asset insostituibile per qualsiasi azienda. Che sia tua o no.
Viaggiare è anche la cura contro l'odio. Non puoi odiare qualcuno con cui hai condiviso una cena e una bottiglia di vino sotto le stelle.
Quando vai in un nuovo paese, hai un disperato bisogno di connessione. L'ultima cosa di cui ti preoccuperai è il colore della pelle, l'orientamento sessuale o la religione. Non puoi essere xenofobo perché sei tu dalla parte dell'immigrato. E conosci il desiderio di essere accolti in un paese sconosciuto.
Infine, viaggiare migliora le tue relazioni sentimentali. Là fuori esiste la persona perfetta per ognuno di noi. Ma trovarla è altamente improbabile, soprattutto rimanendo nello stesso posto.
Viaggiando riesci a scoprire con quale cultura ti integri meglio e con quale riesci ad avere relazioni più soddisfacenti. Viaggiando, avrai un'idea migliore su cosa ti piace, e saprai dove trovarlo.
Anche se, visto che ti sposti spesso, molto probabilmente troverai una persona della tua stessa mentalità. Un altro nomade digitale con il tuo stesso stile di vita errante.
E c'è qualcosa di più romantico che viaggiare per il mondo insieme, per sempre?
Per essere felice, viaggia.